Vai a…

Showbiznews

Raccontare il business dello showbusiness

Showbiznews on PinterestRSS Feed

22 settembre 2017

Suburra

La Suburra, ai tempi dell’antica Rona, era il quartiere malfamato. Sub Urbem, sotto l’Urbe, il sottosuolo della Città Eterna. Oggi Roma è Suburra.
Un inferno metropolitano dove si aggirano dannati di varia levatura. L’onorevole di centro-destra (ex MSI o forse peggio) Filippo Malgradi (Pierfrancesco Favino), cui piacciono orge e droga, amico e succube di un altro reduce degli anni Settanta, il terrorista nero ora capobanda mafioso Samurai (Claudio Amendola).
Malgradi ha come pusher di droga e donne Sabrina (Giulia Elettra Gorietti), amica di Sebastiano (Elio Germano), pr e organizzatore di festini Cafonal, per dirla con Dagospia.
Quando una notte Sabrina si trova a dover gestire una situazione d’emergenza chiama Spadino (Giacomo Ferrara), fratello del boss zingaro Manfredi Anacleti (Adamo Dionisi), il quale ricatta Sebastiano per via dei debiti del padre.
A completare il quadro dei 6 gradi di separazione, Numero 8 (Alessandro Borghi), figlio del capobanda di Ostia e compagno di Viola (Greta Scarano), come pure colui che con un omicidio scatena la faida tra i suoi e gli Anacleti.
Ma il Samurai, che usa Malgradi come pedina in Parlamento, ha bisogno che Ostia sia tranquilla, in vista di una mega speculazione edilizia – finanziata dalla mafia e da oscuri ambienti del Vaticano – che la trasformerà in una specie di Las Vegas.
Da diversi anni i produttori italiani, Cattleya in testa, cercano a riesumare il glorioso “cinema di genere” di quasi mezzo secolo fa.
In questo caso l’operazione è ancora più ambiziosa, ad ampio raggio: si parte dal libro omonimo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini (che firmano anche soggetto e sceneggiatura con Sandro Petraglia e Stefano Rulli), si passa per il film di Stefano Sollima e si approderà a una serie tv in onda su Netflix (peraltro, benché co-prodotto da Rai Cinema, per qualche bizzarro motivo il film è costellato dai servizi di SkyTg24).
Genere o maniera? Il dubbio sorge, di fronte a vicende pressoché sempre inzuppate da una pioggia torrenziale, personaggi quasi stereotipati e situazioni esasperate.
A Sollima non interessa l’iperrealismo di Gomorra né la mescolanza di storia di formazione e spaccato d’epoca di Romanzo criminale. Anche la componente di denuncia è poco definita, quasi data per scontata.
Il lavoro maggiore è sulla messa in scena, sulla confezione dei personaggi e dei loro linguaggi: colori cupi, cuori di tenebra, pioggia battente, fognature che s’intasano (metafora abbastanza trasparente), scorci marini invernali… Più maniera che genere, appunto.
In tutto questo, spicca la performance di Claudio Amendola: il suo Samurai è tanto sgradevole quanto iconico e questa ambiguità è merito di un attore che il cinema italiano ha spesso colpevolmente male utilizzato. Un’interpretazione che spazza via anni di Cesaroni e vanzinate.

Print Friendly, PDF & Email

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi