Vai a…

Showbiznews

Raccontare il business dello showbusiness

Showbiznews on YouTubeRSS Feed

18 luglio 2018

Un sogno chiamato LA LA LAND


Spread the love

LA LA LAND è Los Angeles, la terra dei sogni (che s’infrangono, che si realizzano), lo scenario per storia d’amore tra un’attrice e un musicista.
Mia (Emma Stone) è un’aspirante attrice che, tra un provino e l’altro, serve cappuccini al bar degli studios della Warner. Sebastian (Ryan Gosling) è un musicista, fanatico purista del jazz, che sbarca (male) il lunario suonando nei piano bar.
Dopo alcuni incontri casuali, fra Mia e Sebastian esplode una travolgente passione nutrita dalla condivisione di aspirazioni comuni, da sogni intrecciati e da una complicità fatta di incoraggiamento e sostegno reciproco. Ma quando iniziano ad arrivare i primi successi, i due scopriranno che quando vogliono rovinare qualcuno, gli dei favoriscono i suoi piani.

Scritto e diretto dal ragazzo prodigio Damien Chazelle, LA LA LAND ha fatto vincere il premio per l’interpretazione a Venezia a Emma Stone e fatto il pieno ai Golden Globes. Ha ricevuto 14 nomination agli Oscar. Ma non è un capolavoro. Ripartiamo dai fondamentali. Cos’è un capolavoro? Il Dizonario Treccani ci risponde: “La migliore in una serie di opere di un artista, di uno scrittore, o di un’età, di una scuola”, ma anche “Opera (e per estens. anche azione, impresa, comportamento) eccellente in genere”.
Chazelle è al suo terzo film, quindi dire che con LA LA LAND ha già realizzato il suo capolavoro (prima definizione) sarebbe quantomeno prematuro. LA LA LAND non è “eccellente in genere” (seconda definizione)? No. È una festa per gli occhi, coinvolge. Chazelle sa come giocare le sue carte, emozionare, in alcuni momenti stupire, ma appunto c’è un eccesso di gioco linguistico, di citazionismo (da 8 ½ ai film della coppia Astaire-Rogers ai capolavori, quelli sì, di Minnelli e così via).
In alcuni momenti vien da pensare a due film di Woody Allen: Tutti dicono I love you (peraltro, nella fascia bassa della classifica dei lavori alleniani) e Café Society (fascia alta della classifica).
Come nel primo film citato, Gosling e la Stone sono bravissimi attori che cantano e ballano (però nella pellicola di Chazelle testi e musiche sono originali), non entertainer completi (come Gene Kelly, Fred Astaire etc etc). E un po’ come in Café Society, la malinconia tinteggia la spumeggiante tavolozza di LA LA LAND.

PS Come scrive Alberto Crespi sull’Unità: “Rifare certi generi (il musical in primis) con la grazia e la genialità del passato è molto, molto difficile. E se Ryan Gosling, il 26 febbraio, riceverà il premio sempre negato a Fred Astaire saremo contenti per lui, ma ci permetterete una sommessa, silenziosa imprecazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Altre storie daRecensioni Cinema

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi