In Thor: Ragnarok troviamo Thor (Chris Hemsworth), senza il suo potente martello, imprigionato dall’altro lato dell’Universo e alle prese con una lotta contro il tempo per tornare ad Asgard e bloccare Ragnarok – la distruzione del suo pianeta e la fine della civiltà asgardiana – per mano di una potente, nuova minaccia, la spietata Hela (Cate Blanchette). Ma prima dovrà sopravvivere a un mortale scontro nell’arena dei gladiatori che lo porrà contro l’alleato e amico Hulk (Mark Ruffalo).
Diretto da Taika Waititi e scritto da Eric Pearson, Christopher Yost & Craig Kyle, il terzo capitolo del Marvel Cinematic Universe (e diciassettesimo film del ciclo complessivo) dedicato al Dio del Tuono è una netta virata rispetto ai precedenti e lo fa assomigliare di più a Guardiani della galassia, ad Ant-Man e a certe sequenze di Doctor Strange.
Nonostante la serietà di soggetto e titolo, nessuno dei protagonisti (a parte Hela) sembra prendersi troppo sul serio e il serioso Thor diventa una specie di Terence Hill o di eroe guascone, con Hulk a fargli da spalla come fosse Bud Spencer.

Il gioco, insomma, stavolta è a carte scoperte e l’ironia irrora e colora quasi tutto il film, arrivando quando a destrutturarlo. “Super eroi con super problemi”: l’assioma fondativo dell’universo Marvel teorizzato da Stan Lee, è portato agli estremi. Thor è privato del Mjolnir, è goffo, le prende un po’ da tutti (Hulk, Valchiria, Hela); Bruce Banner soffre di crisi di panico; Loki è più ingannato che ingannatore e così via.
L’ironia, l’autoironia, la distanza critica sono il Ragnarok di questo film. Il Ragnarok, infatti, nella mitologia norrena, non è uguale alla Apocalisse cristiana: esso non segna la fine del mondo, ma la sua palingenesi, la sua rinascita dal fuoco, come la ecpiròsi degli stoici. Il gioco, la risata “uccidono” il blockbuster e lo fanno rinascere. D’altra parte Nabokov ci ricorda che “l’ironia non toglie nulla al patetico”.

Print Friendly, PDF & Email
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi