investimenti-pubblicitari

Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude anche il mese di maggio con una crescita sensibile. Pari al +64,6% rispetto allo stesso periodo del 2020. La raccolta pubblicitaria dei primi 5 mesi sale così a +23,8%.
Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen su search, social, classified e Over The Top (OTT) l’andamento nel periodo gennaio-maggio si attesta al +23,7%.

Investimenti pubblicitari: robusta ripresa

“A maggio si conferma la robusta ripresa del mercato pubblicitario, che recupera in parte il gap rispetto all’ultimo anno di normalità (-5.5% confrontato allo stesso periodo del 2019). Il percorso di crescita sul lungo periodo potrà essere colmato entro la fine dell’anno e ripreso nel 2022come previsto da piu parti di recente”.
Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen, traccia così il quadro della situazione.
Mancano all’appello alcuni settori, soprattutto nel raffronto con il trend di medio periodo: Automobili, Tempo libero e Turismo, tra i più colpiti dall’andamento della pandemia.

I singoli mezzi
  • Relativamente ai singoli mezzi, la Tv è in crescita del +79,1% a maggio. Chiude i primi 5 mesi a +30,4%.
  • Ancora in positivo anche la stampa. I quotidiani a maggio crescono del 29,1% (i primi 5 mesi +7.8%). I periodici del +108.7% (i primi 5 mesi -2,9%).
  • La radio cresce del 148,1% a maggio. Chiude i primi 5 mesi a +22,1%.
  • Sulla base delle stime Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nei primi 5 mesi chiude con un +24,3%. +27,2% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet.
  • Sempre in negativo l’Out of home. Nei primi 5 mesi l’Outdoor chiude a -10,3%. Il Transit –a 43,7%. La Go TV a -34,6%. Si evidenziano, però, sensibili segni di ripresa.
  • Anche il direct mail è in ripresa. Il periodo consolidato si attesta a +9,6%
  • I fatturati del cinema non sono disponibili.
I settori merceologici

Tutti i settori merceologici sono in crescita a maggio. Il contributo maggiore è portato da Automobili (116,5%), Alimentari (72,4%), Distribuzione (68,7%) Cura persona (267%) e Turismo e viaggi (539,9%).
Solo un settore è in negativo: Servizi professionali (-6%).
Comparti con una maggior quota di mercato. Si evidenzia, nei primi 5 mesi, l’andamento positivo di Telecomunicazioni (+27.3%); Abitazione (+33,1%); Tempo libero (+71,1%).

Print Friendly, PDF & Email
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi