La Torre Nera sorge al centro dell’universo, proteggendolo dall’avanzata delle tenebre. Il malvagio stregone Walter Padick (Matthew McConaughey) cerca da tempo di distruggerla e per questo usa l’energia psichica di adolescenti rapiti in vari mondi.

A New York, Jake Chambers (Tom Taylor) è tormentato da sogni e visioni: una torre nera, uomo in nero e Roland Deschain (Idris Elba), ultimo della dinastia dei Pistoleri, avversari di Padick nella lotta tra il Bene e il Male.
Jack ha l’energia per distruggere la Torre e Walter cerca di rapirlo. Il ragazzo arriva nel Medio-Mondo, dove si unisce a Roland per la lotta decisiva.

Il film di Nikolaj Arcel (anche sceneggiatore con Anders Thomas Jensen, Akiva Goldsman e Jeff Pinkner) è tratto da un massiccio ciclo fantasy di Stephen King ed è il parto di una lunghissima gestazione, che ha visto il progetto passare di mano in mano e di produttore in produttore. Registi, cast e formato (serie tv, ciclo di film, un mix dei due…) si sono avvicendati, fino a oggi.
Lasciando a esperti ed esegeti il giudizio sul come si è arrivati al film, parliamo del cosa è. Un ibrido tra horror, fantasy, fantascienza, romanzo di formazione (o Bildungsroman, se preferite). Un incrocio che scontenta gli appassionati di ciascun genere, per dar vita un esangue film per famiglie.
Situazioni banali e prevedibili, interpreti lasciati a sé stessi (McConaughey gigioneggia, Elba fa il fascinoso-tormentato eroe stanco e disilluso), scene d’azione così sovraccariche di effetti speciali da annoiare.
La torre nera è costruita come l’episodio-pilota di una serie televisiva che forse si farà, forse no. Se Star Wars 7-Il risveglio della Forza sembrava la prima puntata di una miniserie, quindi siamo già oltre: al film che funziona anche come prodotto tv. Un film che non ha più nessuno status preciso, un prodotto “liquido”, per usare il linguaggio della sociologia.
Print Friendly, PDF & Email
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi