La XXVI edizione del NOIR IN FESTIVAL si svolgerà a Como e a Milano dall’8 al 14 dicembre 2016. Dopo aver festeggiato a Courmayeur i suoi primi 25 anni di vita, il festival del giallo e del mistero si trasforma nella struttura e nell’immagine pur rimanendo fedele alla sua unicità: film e libri, televisione e fumetto, cronaca e storia continueranno a essere i suoi terreni di caccia ma una mutazione profonda è in atto.

Saranno come sempre i molti colori del genere a caratterizzare la prossima edizione della manifestazione, che aprirà all’insegna della fantasia e dello spettacolo popolare nella tradizionale cornice natalizia della città di Como, con il Teatro Sociale che ospiterà i film in concorso e i libri più attesi dell’anno insieme ai loro autori.
Il NOIR IN FESTIVAL troverà inoltre casa nella Torre e nel campus milanese della IULM, dove proseguirà per tutta la seconda settimana con proiezioni, rassegne tematiche, incontri, masterclass e programmi sviluppati con il pubblico degli studenti. Altre iniziative che coinvolgono le realtà culturali delle due città sono attualmente allo studio.

Joe R. Lansdale
Joe R. Lansdale

L’asse privilegiato tra due realtà metropolitane contigue ma molto diverse è la principale sfida della nuova formula del NOIR IN FESTIVAL: l’idea portante è quella di un programma incrociato, con eventi e protagonisti dedicati alle due “piazze”, ma un filo continuo che lega la fantasia della sezione per ragazzi “Young Detectives” con la ricerca e l’animazione di “Fight Club” (sezioni che verranno raccontate in seguito); che ripropone il concorso internazionale per il cinema rivolto alle novità più stimolanti del genere e le “Ombre di Luce” dedicate alla storia italiana (con Istituto Luce – Cinecittà), gli appuntamenti letterari delle “Conversazioni in nero”, i premi alla carriera dedicati alla letteratura (il Raymond Chandler Award, che verrà assegnato a Como) e al cinema (il Mystery Award), retrospettive e approfondimenti tematici, laboratori creativi e il rinnovato spazio delle “Noir Series”.

Infine il ritorno nella “sua” Milano di Giorgio Scerbanenco con il premio a lui dedicato e riservato ai migliori noir italiani dell’anno: una raffica di talento e inventiva che conferma, anno dopo anno, l’eccellenza della scuola letteraria italiana nel genere più amato al mondo.

Print Friendly, PDF & Email
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi