House-of-Gucci

House of Gucci è ispirato alla storia della dinastia Gucci, una tra le più celebri nel mondo della moda. Il film racconta di quando Patrizia Reggiani, una ragazza di umili origini, entra a far parte della famiglia. La sua sfrenata ambizione inizierà a incrinare i rapporti familiari, innescando una spirale incontrollata di tradimenti, decadenza, vendetta e omicidio.
Patrizia Reggiani Gucci (Lady Gaga) si fa il nome della croce “Nel non del Padre, del Figlio e della Famiglia Gucci”. Un gesto blasfemo o semplicemente kitsch? Ma cos’è il kitsch? La Treccani ci risponde che il kitsch “è ogni degradazione in senso manieristico dell’opera d’arte che, nella moderna civiltà di massa, assume aspetti rispondenti, quasi sempre grossolanamente, alle esigenze estetiche di destinatarî mediamente acculturati”.

House of Gucci è kitsch?

Quindi House of Gucci è kitsch? Lo sguardo di Ridley Scott, al lavoro su una sceneggiatura di Becky Johnston e Roberto Bentivegna, è troppo raffinato e controllato per cadere nelle trappole del kitsch. E il suo film è troppo sfaccettato per poter essere ridotto a una sola dimensione.

Scott lavora per opposizioni e conflitti, crea scontri al calor bianco. Armand D’Hubert contro Gabriel Féraud (I duellanti). Ripley contro Alien. Deckard contro i replicanti, i replicanti contro la Tyrell Corporation, Deckard contro il sistema (Blade Runner). Cristoforo Colombo contro le sue illusioni messianiche (1492 – La conquista del paradiso), il soldato Jane contro l’esercito, i pregiudizi, la politica.. e così via.

In House of Gucci abbiamo l’apoteosi del conflitto, un tutto contro tutti che mescola Visconti, Mozart, l’intero spettro della cultura pop (musica, moda, stile), Shakespeare e gli stilemi della soap opera in stile Dallas o Dynasty. La lotta di Patrizia per staccarsi dalla sua condizione medio-borghese per elevarsi nell’Olimpo dell’alta borghesia. Il conflitto tra Maurizio (Adam Driver) e suo padre Rodolfo (Jeremy Irons) e tra quest’ultimo e il fratello Aldo (Al Pacino). E a catena, tra Aldo e suo figlio Paolo (Jared Leto), tra Maurizio e il suo amministratore delegato e così via. Ognuno di loro portatore di una visione e di un progetto che s’incastra con quello altrui solo per il tempo necessario, un susseguirsi di alleanze posticce destinato alla deflagrazione finale, a un Crepuscolo degli dei simil-wagneriano.

House of Gucci è un film shakespeariano

Ma House of Gucci è anche un film shakespeariano. La strega-cartomante Auriemma appare (non nella brughiera scozzese, ma in tv) a Lady Macbeth-Reggiani-Gucci, non a Macbeth-Maurizio e a lei promette successo e denaro. Lady Macbeth manipola Macbeth e lo induce a uccidere i famigliari, Aldo e il fool Paolo. Intanto Duncan-Rodolfo vive rintanato nel suo palazzo reale, emaciato come un vampiro nutrendosi di un passato fittizio.

House-of-Gucci
Salma Hayek stars as Pina Auriemma in Ridley Scott’s House of Gucci. A Metro Goldwyn Mayer Pictures film. Photo credit: Courtesy of Metro Goldwyn Mayer Pictures Inc. © 2021 Metro-Goldwyn-Mayer Pictures Inc. All Rights Reserved

A far precipitare Lady Macbeth non sarà il fantasma di Banquo, ma l’apparizione alla tavola dei pari del regno di uno spettro ancora più potente: quello del suo passato plebeo. A travolgerla non sarà l’avanzare della foresta di Birnam, ma quello della bionda e algida Lady Paola, affine in tutto a Macbeth e pronta a trafiggerla con un “Ti farò avere lo strudel dalla mia cameriera”.
L’Inferno non conosce furia pari a quella di una donna offesa: Lady Macbeth, “povero attore che si pavoneggia e si agita su un palcoscenico per il tempo a lui assegnato”, come Riccardo III assolda due sordidi sicari (“Dagli occhi vostri piovono macine da mulino, mentre da quelli degli sciocchi, lacrime”). Macbeth muore sulle scale del palazzo: breve la sua vita felice come uomo ricco, innamorato e libero dal peso della casata. E il tragico trionfo finale è di Lady Macbeth Gucci.

Print Friendly, PDF & Email
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi